Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

5 consigli per promuovere la tua App spendendo poco

Pubblicato il 2016-04-22 10:26:49 da Giuseppe Anzalone - 0 Commenti

Dopo tanti sacrifici e notti insonni, avete finito di testare e debuggare la vostra nuova app e siete pronti per lanciarla! Vi sentite finalmente rilassati e felici al pensiero che da domani potrete godere dei frutti del vostro duro lavoro: migliaia e migliaia di utenti la installeranno ed entusiasti ne parleranno su internet, a lavoro... ovunque. Con un passaparola virale la vostra app raggiungerà in poco tempo milioni di utenti, e poi... e poi vi svegliate, vi accorgete che era solo un bel sogno e che è ora di mettersi di nuovo a lavoro perché inizia una fase ancora più difficile della realizzazione stessa della app: la sua promozione.

Image 1
Diritti immagine: lucky2084

Promuovere una app non è per nulla facile, specialmente se siete dei programmatori, magari capaci di scrivere un algoritmo super efficiente in pochi minuti, ma con poca dimestichezza con la comunicazione ed il marketing.

Quindi... come fare? Se avete a disposizione un discreto budget vi conviene rivolgervi ad degli esperti di Web Marketing che sapranno affrontare al meglio il vostro problema. Se invece le vostre risorse economiche sono limitate, dovrete cercare di fare del vostro meglio ma soprattutto dovrete studiare, studiare e studiare. A tal proposito vi sgnalo il canale YouTube di Giorgio Taverniti che reputo una risorsa molto utile, peraltro in Italiano, per chi si avvicina al complesso mondo del Web Marketing.

Ma passiamo subito ad alcuni pratici suggerimenti che potrete attuare senza spendere molti soldi e che vi aiuteranno a promuovere la vostra applicazione.

1. Distribuire l'app su Store Alternativi

Google Play è da sempre lo Store di riferimento per gli utilizzatori di Android. Tutti gli sviluppatori che lavorano con il robottino verde sanno che è importante che le proprie app siano presenti su questo canale di distribuzione. Tuttavia molti non tengono conto del fatto che l'utilizzo del Play Store ha diversi limiti. Uno fra questi è l'enorme quantità di applicazioni che esso distribuisce. Si... certo, visto dal punto di vista dell'utente non si tratta di un limite ma di un pregio; pensate però ad uno sviluppatore che propone il suo primo gioco per Android e lo carica sul Google Play. Quante chance ha che il suo gioco sia possa emergere fra la miriade di applicazioni presenti sullo Store? Poche, purtroppo davvero poche! Ecco perché, specialmente nella fase iniziale di lancio di una nuova applicazione, può risultare molto utile affiancare allo Store di Google alcuni canali di distribuzione alternativi e spesso gratuiti - come nel caso di TorrApk – che, presentando un numero più ridotto di applicazioni, lasciano più visibilità alla vostra applicazione. È chiaro che non possono sostituire il Play Store e che il loro bacino d'utenza è notevolmente più ridotto, ma sono una risorsa in più che spesso non costa nulla e che vale la pena utilizzare. Fate però attenzione a non farvi prendere dalla foga di pubblicare la vostra app su qualunque sito vi consenta di farlo. Scegliete solo quelli che vi garantiscono serietà sicurezza e professionalità. Non distribuite le vostre app su siti che non fanno controlli di qualità, che non hanno regolamenti né moderatori, questa categoria di siti rischia di rovinare l'immagine della vostra app. Riassumendo: distribuite le vostre app anche su App-Store alternativi di elevato standard qualitativo.

2. Chiedere recensioni sui siti che trattano dell'argomento

Un metodo piuttosto efficace per dare maggiore visibilità alla propria app consiste nell'ottenere recensioni su siti che trattano di applicazioni. Le recensioni servono a consigliare il lettore orientandolo verso una app piuttosto che un'altra. Un'app di cui nessuno parla incuriosisce di meno rispetto ad una di cui i principali blog del settore hanno pubblicato una recensione. Ottenere una recensione su un blog può essere a volte gratuito ma la maggior parte delle volte vi verrà chiesto un contributo spese per la pubblicazione. Non stupitevi di ciò, è vero che siamo sempre più abituati ad accedere gratuitamente a risorse di ogni tipo, ma considerate che dietro la redazione di una recensione c'è del lavoro da parte di un web-writer che deve installare, testare e poi recensire la vostra applicazione. É giusto che tale lavoro vada pagato, no?

Qui di seguito vi riporto un paio siti web, che ritengo interessanti, cui potrete chiedere di recensire la vostra app: androidcentral  e androidguys. Cercando in rete ne troverete sicuramente molti altri. Vi ricordo che anche su TorrApk è possibile recensire la vostra app, sia in Italiano che in Inglese, a prezzi molto abbordabili. Se siete interessati scriveteci all'inditizzo app-review@torrapk.com.

3. Scrivere sui forum

Un altro modo per fare conoscere la propria app è quello di presentarla sui forum. Fate molta attenzione però a fare le cose per bene al fine di evitare di essere considerati degli spammer. Ricordate che i forum non sono dei luoghi dove pubblicizzare i vostri prodotti ma dei luoghi di discussione ben regolamentati e con delle tematiche be precise. Se volete potete approfondire l'argomento leggendo questo articolo su come utilizzare al meglio i forum per promuovere la propria app.

4. Creare il sito web ufficiale dell'app

Tanti sviluppatori trascurano questo aspetto che è invece molto importante. Acquistare un dominio web costa pochissimo ed i servizi di hosting sono spesso gratuiti, per cui se avete creato una app non dimenticatevi di creare un sito web di riferimento. Il sito deve avere degli elementi grafici che lo leghino inconfondibilmente alla app e deve contenere una landing page che descriva molto sinteticamente la vostra app e abbia una call-to-action per invitare l'utente ad effettuare il download dell'app.

La presenza di un sito web vi aprirà un mondo di possibilità: potrete inserire una sezione con le FAQ relative alla vostra app, una con le istruzioni d'uso o tutorial, un'altra ancora con i commenti/feedback dei vostri utenti. Potrete aggiungere una press-area dalla quale consentire il download di materiale da usare a scopi pubblicitari o da inserire in articoli scritti su testate online. Potrete aggiungere un blog dedicato nel quale presenterete tutte le nuove feature della vostra app.

Non dimenticate che la presenza di un sito ben fatto, anche se molto semplice, conferirà alla vostra app un aspetto più professionale e meno fai-da-te.

Se riuscirete a posizionare bene il sito web fra i risultati di ricerca di Google, magari facendovi aiutare da qualche esperto di SEO, potrete utilizzarlo per portare nuovi utenti alla vostra app.

Se non avete idea di come cominciare a creare un sito web, non preoccupatevi, in rete si trovano molti strumenti che vi consentiranno di iniziare con qualcosa di semplice ma bello ed efficace. Un esempio è launchrock che consente di creare delle landing-page responsive e con una grafica ben curata.

5. Usare i Social Network

In questa breve panoramica, non poteva mancare l'uso dei Social Network. Se avete lanciato un'app è bene che essa abbia una pagina Facebook tramite la quale possiate comunicare ai vostri utenti le notizie più importanti. Tenete conto però del fatto che, già da più di un anno, Facebook ha deciso di dare meno visibilità ai post di natura promozionale  per dare spazio a quelli più genuini. Per farvi un esempio, un post con contenuto chiaramente promozionale su una pagina con 50.000 like rischia di apparire nella home di soli 100 degli utenti che seguono la pagina. Si tratta di una percentuale bassissima che incrementa notevolmente se il post sembra più genuino e meno promozionale. Per tale motivo sono del parere che a volte, più della pagina, possa essere utile un gruppo Facebook, nel quale coinvolgere gli utenti stessi della app. I nuovi post presenti sul gruppo vengono notificati agli utenti e possono avere una maggiore efficacia. Ma state attenti: il vostro obbiettivo non è bombardare l'utente con messaggi promozionali, ma coinvolgerlo il più possibile.

Ovviamente quando si parla di Social Network non si parla solo Facebook; in base al tipo di applicazione potreste ottenere ottimi risultati utilizzando anche Twitter, Google+, Pinterest e Linkedin.

Concludendo

Promuovere un'app è un mestiere vero e proprio, ci vuole molta esperienza e tanto lavoro. Ma questo non deve scoraggiarvi, se non avete risorse economiche tali da consentirvi di rivolgervi ad un professionista, rimboccatevi le maniche e mettetevi a lavoro! C'è tanto da imparare e da divertirsi.

Sviluppare Applicazioni
Giuseppe Anzalone
Ciao! Sono Giuseppe, ingegnere elettronico e programmatore. Lavoro da molti anni nel settore dell'automazione industriale occupandomi di progettazione elettronica e sviluppo di software per sistemi di controllo real-time. Da qualche anno lavoro anche allo sviluppo-web e mi occupo di sicurezza informatica.
Articoli in Evidenza
2016-01-11
Forse non sapete che la rete Tor è facilmente accessibile anche tramite i dispositivi Android. Continuate a leggere, vi spiegherò come navigare su internet in modo anonimo con il vostro smartphone.
2015-11-05
Sai che puoi usare TorrApk come una qualsiasi altra app? Grazie alle funzionalità di supporto alle Web App di Google Chrome, avviare TorrApk sul tuo cellulare richiede adesso solo un tocco.
2015-09-19
Sapevi che con Telegram puoi creare degli sticker personalizzati con le tue foto? Leggi e scopri come fare.
Articoli recenti
2016-11-19
In molti mi chiedono con che applicazione ottenere i diritti di root sul proprio dispositivo Android.Personalmente mi fido poco di questo tipo di applicazioni
2016-11-19
Il concetto del "rooted android device" nasce da Linux, da cui Android eredita il kernel ed altre caratteristiche...
2016-04-22
Promuovere una app non è per nulla facile, specialmente se avete poca dimestichezza con la comunicazione ed il marketing e disponete di risorse economiche limitate. Per questo ho deciso di darvi alcuni consigli utili attuabili spendendo poco.
2016-04-14
A differenza delle app installate manualmente dall'utente, quelle di sistema non sono facilmente disisntallabili. L'unico modo per rimuoverle è quello di ottenere i permessi di root sul duo dispositivo, per farlo in modo semplice puoi usare MobileGO.
2016-04-13
Se avete sviluppato la vostra prima applicazione per Android vi starete di sicuro chiedendo come fare per promuoverla e farla conoscere. Ci sono tanti metodi per farlo, in questo articolo vedremo come utilizzare al meglio i forum.
Seguici sui social network
Le più recenti